You are hereSoave VR e il suo castello

Soave VR e il suo castello


By Anonimo - Posted on 07 April 2014

Versione stampabileVersione stampabileInvia a un amicoInvia a un amico
Un borgo arancione in attesa di ricevere la denominazione di Patrimonio Unesco
Tipologia: 
un giorno
Periodo consigliato: 
tutti i periodi dell'anno
Scheda breve viaggio: 

Soave, sorge ai piedi dei Monti Lessini, si presenta come un'amena cittadina medioevale, dominata dal Castello e circondata interamente da mura merlate alla ghibellina, ripartite tra 24 torri, lambite dal fiume Tramigna. Il centro storico viene fondato in epoca longobarda, nel 500, da una tribù di Svevi dai quali deriverebbe il nome "Suaves", "Suevi" divenuto poi "Soavi" e finalmente Soave. I primi documenti che nominano il Castello risalgono al X secolo e secondo un diploma rilasciato da Federico Barbarossa nel 1100, è appartenuto ai Sambonifacio, Conti di Verona per passare, nel 1270, al Comune di Verona. Sotto la dominazione degli Scaligeri, Soave con il suo Castello crebbe d'importanza tanto che le sue mura furono più volte restaurate e rinforzate. Nel periodo 1889-92 la famiglia Camuzzoni, divenuta proprietaria del castello, eseguì la ricostruzione ed il restauro di quelle parti di edificio di provata esistenza.
Il paese in sé, è famoso anche per la maglia viaria del nucleo storico. Sull'asse formato dalle vie Roma e Camuzzoni (l'antico cardo romano), affaccia la maggior parte dei monumenti: la parrocchiale di S. Lorenzo (1303), il palazzo Cavalli (1411), in stile gotico-veneziano, e il palazzo di Giustizia (1375). Lungo via Camuzzoni si trovano edifici nobiliari, tra cui il Palazzo Scaligero, ora sede del Municipio.
Durante la giornata avremo modo di assaporare tutti gli aspetti di questo “borgo arancione” del Nord Italia.

Info per email: 
camminalento@fastwebnet.it
AllegatoDimensione
Soave massima.pdf453.78 KB

In partenza

I prossimi viaggi di Camminalento!